La Tomba
 


      La tomba dei Benso, in cui è sepolto Camillo Cavour, fu dichiarata monumento nazionale nel 1911, in occasione del cinquantennio dell’Unità d’Italia.
      Nel 1715 Carlo Ottavio Benso fece costruire una Cappella a fianco dell'abside della chiesa parrocchiale, con ingresso dal giardino del castello. All'epoca la tomba della famiglia Benso si trovava a Chieri, nella chiesa di San Francesco; quando giunse l'esercito napoleonico e questa chiesa fu distrutta, i Benso costruirono una cripta mortuaria sotto la Cappella del castello di Santena.

       Si accede alla tomba attraverso un giardinetto di piante funerarie; la facciata è di ordine dorico, con colonne in granito; le pareti interne sono rivestite di marmo.
I sepolcri, scavati nelle pareti, sono chiusi da modeste lapidi, con semplici iscrizioni.
Ecco i nomi di coloro che qui sono sepolti:
Camillo Benso di Cavour (1810-1861);
Augusto Benso di Cavour (1828-1848);
Giuseppina Benso di Cavour (1831-1888);
Aynardo Benso di Cavour (1833-1875);
Gustavo Benso di Cavour (1806-1864);
Adelaide Lascaris di Ventimiglia (1805-1833) solo cenotafio;
Michele Benso di Cavour (1781-1850);
Adèle de Sellon d'Allaman (1780-1846);
Philippine de Sales (1762-1849);
Uberto Benso di Cavour (1759-1831);
Victoire de Sellon d'Allaman (1777-1849)
Aynard de Clermont-Tonnerre (1769-1837);
Henriette de Sellon d'Allaman (1781-1842);
Jean-Louis d'Auzers (1769-1831);
Carlo Camillo Visconti Venosta (1879-1942);

Castello Cavour di Santena, la tomba

Fotogallery: Castello Cavour di Santena, la Tomba
Associazione Amici della Fondazione Camillo Benso di Cavour © COPYRIGHT 2019 - E' vietata la riproduzione anche parziale.[1]