"A Carlo Pischedda

e a tutti coloro che in modo disinteressato hanno dedicato la loro vita allo studio ed alla divulgazione del pensiero del massimo esponente politico italiano degli ultimi due secoli, Camillo Benso di Cavour".

News

martedì 6 giugno 2017: 156° anniversario della morte di Camillo Cavour, Cerimonia Ufficiale
 

Ogni anno l’Associazione Amici della Fondazione Camillo Cavour di Santena e la Fondazione Camillo Cavour organizzano in collaborazione con la Città di Santena la cerimonia, unica a livello nazionale, per ricordare la figura e l’opera del principale protagonista del processo che culminò nell’Unità d’Italia.

Il 6 giugno è occasione per i Cavouriani del Piemonte, d’Italia e d’Europa di incontrarsi in questo primario luogo della memoria patria in cui è sepolto lo Statista che collocò stabilmente la Penisola tra le potenze occidentali.
Insieme a Camillo Cavour, le comunità di Santena, del Pianalto, di Torino e del Piemonte rendono omaggio all’opera realizzata dagli antenati 156 anni fa: l’Unificazione della Penisola, resa indipendente e responsabile delle proprie azioni a livello statale e mondiale.
Dopo la deposizione della corona d’alloro sulla tomba di Camillo Cavour e la Conferenza, la cerimonia prosegue, con il concerto della Banda Musicale “Canonico Serra” e quindi, come da tradizione, con “l’omaggio alla memoria”: la degustazione di Asparagi e di piatti e prodotti tipici del territorio.
Nel corso della manifestazione sarà distribuito il volume “Gli alberi del Parco Cavour”, frutto della collaborazione dei Volontari dell’Associazione Amici con gli Alunni delle scuole di Santena.


PROGRAMMA


Ore 18,00
Omaggio alla tomba di Camillo Cavour
Onori alla bandiera


A seguire

Commemorazione ufficiale
Prof. Carlo Ossola
“De Sanctis, tra Cavour e Marx nella lettura di Dante”


A seguire

Visita all’Archivio storico e Biblioteca


Degustazione dei prodotti tipici dei luoghi cavouriani


Ingresso libero e gratuito

Associazione Amici della Fondazione Camillo Benso di Cavour © COPYRIGHT 2017 - E' vietata la riproduzione anche parziale.[1]