"A Carlo Pischedda

e a tutti coloro che in modo disinteressato hanno dedicato la loro vita allo studio ed alla divulgazione del pensiero del massimo esponente politico italiano degli ultimi due secoli, Camillo Benso di Cavour".

Prenota la visita guidata

Per i gruppi organizzati:
il Castello Cavour, la tomba, la mostra didattica sono visitabili per gruppi organizzati (min. 15 persone) tutto l'anno su prenotazione.

Per tutti gli altri:
sono previste visite guidate tutte le domeniche dalla prima domenica di marzo all'ultima di ottobre alle 10.30, 15.00, 16.30 e 18.00.

Costo Intero: € 5,00

Ridotti:
€ 4,00 gruppi e over 65
€ 2,50 scolaresche e giovani (6-18 anni)

Gratuito:
bambini fino a sei anni, Amici della Fondazione Cavour, giornalisti e cittadini di Santena

Speciali

"Vita di Cavour": sceneggiato di Giorgio Prosperi

Guarda le puntate dello sceneggiato "Vita di Cavour"1ª parte: clicca e guarda

Rassegna media cavouriana

Doppia ambientazione canavesana, per la mostra «CAMILLO Benso di CAVOUR e il suo ...

Plombières-les-Bains nella storia patria

      Plombières-les-Bains nella storia patria: il contesto strategico di un incontro segreto in un luogo celato.

Il Canto degli Italiani

L'Inno d'Italia o Inno di Mameli fu scritto nell'autunno del 1847 dall'allora ventenne studente e patriota ...

Il Castello Cavour e Santena nei filmati dell'Istituto Luce

Sul sito dell'Istituto Luce i filmati d'epoca che raccontano le glorie di Santena e del ...

Il Tricolore

"La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande ...

1810

10 agosto, venerdì: alle 17,45 nasce Camillo Paolo Benso di Cavour a Torino, nel palazzo paterno, in rue de Jena (più tardi via dell'Arcivescovado e oggi via Cavour), secondogenito del marchese Michele e di Adele de Sellon;
13 agosto, lunedì: viene compilata la fede di nascita davanti al Sindaco, F. Negro, Ufficiale di Stato Civile  (conservata nell'Archivio della Città di Torino, numero atto 1867);

Le condizioni economiche di un popolo sono favorevoli quant'è possibile, sempreché il moto progressivo si operi in modo ordinato. Tuttavia l'industria per isvolgersi e prosperare abbisogna a segno tale di libertà, che non dubitiamo affermare essere i suoi progressi più universali e più rapidi in uno Stato, inquieto si, ma dotato di soda libertà, che in uno tranquillo,  ma vivente sotto il peso di un sistema di compressione e di regresso (da un articolo di Camillo Cavour comparso su “Il Risorgimento” il 15 dicembre 1847)

Associazione Amici della Fondazione Camillo Benso di Cavour © COPYRIGHT 2014 - E' vietata la riproduzione anche parziale.[1]